I wajiwa tornano alla carica

Il panorama musicale italiano ha ancora molto da offrire. E per fortuna, aggiungerei! Finalmente sono tornati i Wajiwa con il nuovo singolo “Appeso a un filo” 🙂

Sarò la solita voce al di fuori del coro, ma a me certi così detti “talenti” stranieri proprio non mi scivolano giù: mi si fermano proprio qui, in gola! Non farò nomi, ma credo che chi ha un minimo d’orecchio e un quoziente intellettivo più alto di un lombrico, si sia fatto un’idea di quali personaggi sto parlando. Comunque dicevamo, gioite, oh sì gioite, perché finalmente qualcuno ha deciso di far emergere una Band ITALIANA che se lo merita. Di chi sto parlando? Ma dei Wajiwa, ovviamente.

I Wajiwa sono una Rock Band ferrarese nata nel 2001. Il loro singolo “Vivi” è stato promosso da oltre 200 radio italiane nel 2007, e per chi ha la memoria corta qui c’è il link al video con la nuova Line up, meravigliosamente unplagged. Ha continuato il proprio cammino tra alti e bassi, incontrando i vari ostacoli che tutte le nuove leve devono superare nel corso della loro “gavetta”. Tra gli altri, il singolo “Mai” (video ufficiale qui) uscito nel 2009, resta ancora il mio preferito di questa band (sarà perché cercano di dare fuoco al chitarrista? Mah! 😛 ) e sono anche riuscita a sentirlo in Streaming Live!

Oggi li ritrovo con il loro nuovo singolo che si intitola “Appeso a un filo” e li riascolto dopo tanto tempo con grandissimo piacere! Non che nel frattempo siano stati con le mani in mano, ma io come sapete ero leggermente impegnata a crescere una figlia e a scrivere il primo romanzo di una saga, quindi la mia mente era altrove.

Insomma, questo è il loro sito, e questo è il loro canale YouTube, quindi ora non avete più scuse: se avrete voglia di ascoltare, una volta tanto, un po’ di buon rock italiano, sapete dove trovarlo 🙂 potrete dirmi grazie la prossima volta che capiterete su questo blog.

Baci, abbracci e buon ascolto 🙂 

I wajiwa tornano alla caricaultima modifica: 2013-07-29T19:22:00+02:00da dagostinopatty
Reposta per primo quest’articolo